Agenzia di Notizie

null Taranto. Galante (M5S): “Audizione sul definanziamento dell’ Acquario Green, che sarà un centro multimediale, senza lo spazio previsto per le specie marine protette”

stemma crp puglia notizie

Nr.: 4110 del 07/12/2021 19:04
Attività produttive

Taranto. Galante (M5S): “Audizione sul definanziamento dell’ Acquario Green, che sarà un centro multimediale, senza lo spazio previsto per le specie marine protette”

“Dopo la riunione del CIS di Taranto in cui è stata deciso il definanziamento dell’Acquario Green, che diventerà un centro multimediale senza lo spazio inizialmente previsto per la tutela delle specie marine protette, con la progettazione che spetterà all’ASSET, ritengo necessario che anche in Consiglio regionale si faccia il punto della situazione per capire in quale modo verrà ripensato il centro. Chiederò di ascoltare in audizione in Commissione Sviluppo Economico, tutti gli attori interessati e l’ingegner Sannicandro, oggi presente al tavolo, per capire perchè si sia completamente rivisto il progetto iniziale dell’Acquario Green, e come si intenda progettare il nuovo centro”. Lo dichiara il consigliere regionale del M5S Marco Galante in seguito alla riunione odierna del CIS Taranto, coordinato dalla Ministra Carfagna.

 

“Il progetto per la bonifica e la reindustrializzazione dell’area ex Belleli per l’insediamento del gruppo Ferretti - continua Galante - che porterà oltre 200 posti di lavoro, fortemente voluto dall’ex Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Mario Turco, darà nuovo impulso alla riconversione economica della città. Parallelamente serve puntare sul turismo e l’economia del mare, per questo ho sostenuto sin dall’inizio il progetto dell’Acquario Green e ora voglio capire come si svilupperà questo nuovo centro multimediale. Monitorerò il cronoprogramma per la realizzazione dei progetti, per assicurare che Taranto non perda neanche un centesimo destinato al nuovo sviluppo della città.  Serve puntare su settori che diano un nuovo impulso economico: non possiamo permettere che si blocchi lo sviluppo di una reale alternativa culturale, economica e scientifica”. /com