Agenzia di Notizie

null Nuovo ospedale di Andria. Di Bari (M5S): “Prossima settimana riunione sulla viabilità. Il  nosocomio è una priorità per la Regione”

stemma crp puglia notizie

Nr.: 1827 del 04/07/2022 17:24
Sanità

Nuovo ospedale di Andria. Di Bari (M5S): “Prossima settimana riunione sulla viabilità. Il  nosocomio è una priorità per la Regione”

 

“Il nuovo ospedale di Andria è una priorità per la Regione. Oggi in commissione la Asl Bt ha spiegato che a breve verrà consegnata all’ASSET la documentazione aggiornata e, una volta completate le opportune verifiche, si potrà sottoscrivere l’accordo di programma. Parallelamente l’assessorato sta lavorando per reperire  gli ulteriori 150 milioni di euro necessari, sia attraverso i fondi ex Art.20 che con la programmazione 2021 -2027. Presumibilmente entro settembre, se non sorgono problemi oggettivi, potrebbe esserci la pubblicazione della gara. Stiamo lavorando anche sulla viabilità, per rendere facilmente raggiungibile la struttura da tutta la provincia e ringrazio l’ingegnere Sannicandro che su mia richiesta ha fissato per la prossima settimana un incontro con l’assessora Maurodinoia, la Provincia, il Comune di Andria e Asl bt”. Lo dichiara la consigliera regionale e delegata alle Politiche Culturali Grazia Di Bari a margine delle audizioni in Commissione Bilancio. 

Aggiorneremo i cittadini anche su questa riunione - continua Di Bari- perché riteniamo importante renderli partecipi di tutti i passaggi che porteranno alla nascita di questo ospedale tanto atteso dall’intera provincia. Seguiamo con attenzione anche i passaggi per l’ospedale del Nord Barese Molfetta-Bisceglie. Anche qui la Asl ha chiarito  che sono state fatte due ipotesi di studi di fattibilità, che saranno trasmesse ai sindaci e alla commissione. Preoccupa però la riduzione di 30 posti letto: dagli iniziali 280 posti si è infatti passati a 250 posti. Una questione su cui chiediamo la massima chiarezza, anche perché i posti letto si era tenuto conto di specifici parametri stabiliti dal DM 70. La Bat non può continuare a essere penalizzata per quello che riguarda l’assistenza sanitaria”.