Agenzia di Notizie

null Galante: “Oggi Rossi e Lopalco ospiti a un incontro elettorale del PD a Grottaglie mascherato da dibattito sulla sanità”

stemma crp puglia notizie

Nr.: 2639 del 31/07/2020 17:54
Politica

Galante: “Oggi Rossi e Lopalco ospiti a un incontro elettorale del PD a Grottaglie mascherato da dibattito sulla sanità”

Nota del consigliere regionale del M5S Marco Galante. 
“Dopo aver salvato la poltrona, il presidente della Task Force regionale Pierluigi Lopalco fa campagna elettorale con i 120mila euro l’anno dei pugliesi. Insieme a lui il direttore della Asl di Taranto Stefano Rossi. I due, che lo ricordiamo, dovrebbero essere tecnici, parteciperanno oggi a un incontro sulla sanità organizzato dal PD di Grottaglie, moderato dal segretario cittadino del partito e al quale prenderanno parte altri due esponenti del PD. Insomma un appuntamento elettorale, mascherato (neanche troppo) da incontro sulla sanità. Ora capiamo che la nomina dei direttori delle Asl sia di natura politica, così come la gratitudine di Lopalco verso il PD che è scappato dall’Aula affossando la doppia preferenza di genere, pur di garantirgli il posto, ma quello che stanno facendo supera ogni limite.
Speriamo almeno non abbiano il coraggio di dire che la sanità ionica è perfetta e non ha problemi, perché andrebbero oltre i limiti della decenza. Emiliano per le sue liste sta attingendo a piene mani dalla Asl di Taranto, come dimostrato da quello che è successo con il conferimento dell’incarico di Direttore del Distretto Socio Sanitario n.7 alla dottoressa Gloria Saracino, arrivata terza in graduatoria e candidata consigliera in una lista a suo supporto e con la candidatura della dottoressa Rossella Moscogiuri, direttrice del dipartimento farmaceutico della Asl di Taranto e di tutte le farmacie ospedaliere dell’Asl. Tutti sono liberi di candidarsi, ma chi ha ruoli così delicati dovrebbe concentrarsi solo su quello e non fare campagna elettorale con la notorietà data dagli incarichi che ricopre. Niente di illegittimo, lo sappiamo, ma candidature quantomeno inopportune (per usare un eufemismo). La sanità è una cosa seria, non può essere considerata come un serbatoio di voti”./comunicato