Agenzia di Notizie

null Aeroporto Grottaglie, Perrini: “Una mozione per impegnare Emiliano a pretendere gli oneri di servizio dal governo”

stemma crp puglia notizie

Nr.: 3559 del 15/10/2021 13:44
Infrastrutture

Aeroporto Grottaglie, Perrini: “Una mozione per impegnare Emiliano a pretendere gli oneri di servizio dal governo”

Nota del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Renato Perrini.
“Dopo aver ricevuto conferma e rassicurazione - anche dall’assessore regionale ai Trasporti Maurodinoia, che ha risposto a una mia interrogazione, che l’Aeroporto di Grottaglie ha diritto all’ottenimento degli oneri di servizio pubblico a carico dello Stato (Continuità Territoriale), ho aspettato inutilmente che il presidente Emiliano scrivesse al Ministero delle Infrastrutture per avviare la prevista procedura. Invece, nulla, e stanco di sopportare questo ostruzionismo da parte del governatore, trattandosi di una prerogativa dello Stato e non della Regione garantire i bandi previsti, sono stato ‘costretto’ a depositare una mozione perché il Consiglio regionale impegni il presidente Emiliano a rispettare la legge sulla Continuità territoriale pena la sua surroga da parte del Governo a garanzia del diritto alla mobilità dei tarantini, abbondantemente leso dalla Regione Puglia.
Ho chiesto quindi all’intero Consiglio regionale, nell’interesse del mio territorio come per legge a tutela del bacino di Continuità territoriale del ‘M. Arlotta’, che impegni il presidente Emiliano a richiedere al Ministero delle Infrastrutture la delega per l’indizione della Conferenza di Servizi finalizzata ad ottenere il previsto bando con OSP per i voli passeggeri di linea dall’Aeroporto di Taranto-Grottaglie secondo il Regolamento (CE) n. 1008 del 24 settembre 2008 (procedimento per l’attivazione del regime della Continuità Territoriale).
Il presidente Emiliano rischia così di farci perdere i relativi fondi disponibili già dalla prossima finanziaria di almeno 25 milioni di euro per le Compagnie aeree qualora dovesse ancora intralciare la procedura e farla fare successivamente al Governo a Roma”./comunicato