Home / Consiglio / Presidente del Consiglio / Agorà del Presidente / 
Solidarietà alla comunità di Cellamare aggredita da un’escalation di attentati
Cronaca

Solidarietà alla comunità di Cellamare aggredita da un’escalation di attentati

Puntare i fari sull’escalation di attentati a Cellamare: non lasciamo isolata l’Amministrazione, mobilitiamoci a sostegno di tutta la brava gente di questo centro dell’area metropolitana barese”: il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, denuncia con sdegno quanto sta accadendo a pochi chilometri dal capoluogo. A fuoco l’auto della moglie dell'assessore all'urbanistica, Nicola Digioia, venti giorni dopo l’esplosione che ha devastato gli spogliatoi del nuovo campo sportivo: “quello che accade a Cellamare non è nè causale né occasionale”, secondo il presidente Loizzo. “Sono intimidazioni che avvelenano il clima del paese e rispondono a scopi criminali”, la conferma viene dalle minacce ricevute dal sindaco Vurchio, in una lettera anonima.
“La comunità di Cellamare non si farà spaventare, non rinuncerà a seguire la strada della legalità, ma le Istituzioni per prime devono affiancarla e far sentire la propria vicinanza. Nel rinnovare la solidarietà dell’intero Consiglio regionale – conclude Loizzo – sono certo che la Magistratura e le Forze dell'ordine faranno presto chiarezza, per consentire alla giovane Amministrazione comunale di continuare ad agire secondo le regole, al servizio di nessun altro interesse che il bene della cittadinanza”. (fel)
Top