Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Franzoso: “Bluff sull’ Emergenza rifiuti, Stea sperpera tre milioni per coprire trasporto fuori regione, anziché realizzare impianti”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Gentile, 52 - 70126 Bari - Tel 080.540.2296 - 2366
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 2433 del
Rifiuti

Franzoso: “Bluff sull’ Emergenza rifiuti, Stea sperpera tre milioni per coprire trasporto fuori regione, anziché realizzare impianti”

“Bluff della Regione sui rifiuti. L’assessore Stea, per coprire le falle del piano regionale, sprovvisto di impianti, mette sul piatto un contributo da tre milioni di euro ai comuni per sostenere i costi aggiuntivi derivanti dal trasporto oltre confine. Un prelievo forzoso dalle casse pubbliche che andava evitato, dotando la Puglia di una adeguata rete di infrastrutture per lo smaltimento”.
Lo dichiara Francesca Franzoso, consigliere regionale di Forza Italia, dopo l’approvazione da parte della Giunta del contributo straordinario per i maggiori oneri sostenuti dai comuni per il conferimento dei rifiuti anche fuori regione.
“L’esultanza di Stea sulla mancia da tre milioni per i maggiori oneri di conferimento extra regione, dovuti all’inerzia della Puglia nel realizzare gli impianti, ha del delirante. Il trionfalismo dell'assessore è ingiustificato, visto che la cifra in questione non è una sua donazione privata ma sono soldi dei pugliesi, prelevati dal bilancio. Una stangata, per le casse pubbliche, cioè le tasche dei cittadini, che coprono i costi del colossale caos rifiuti e dell’incompetenza politica di Emiliano.
“Quattro anni di governo regionale e una Agenzia costituita ad hoc, non sono bastati nemmeno lontanamente ad approvare il piano regionale di gestione dei rifiuti di Michele Emiliano. La Puglia resta di fatto ancorata all’ impiantistica indicata nel piano del 2013, ormai insufficiente, date le percentuali di raccolta differenziata in aumento e il sequestro di alcuni impianti. I tre milioni trasferiti ai Comuni avrebbero dovuto essere utilizzati per cominciare a cantierizzare impianti moderni di smaltimento, e fornire risposte strutturali all’emergenza. Invece sono l’esempio emblematico di ciò che viene definito ‘cattiva’ spesa pubblica. Ma per questo serve una capacità e una visione politica che la Giunta Emiliano non ha”./comunicato
Top