Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Attività estrattive, Ventola: "Finalmente una legge che riabilita gli operatori del settore"
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Gentile, 52 - 70126 Bari - Tel 080.540.2296 - 2366
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 1792 del
Sedute Consiglio

Attività estrattive, Ventola: "Finalmente una legge che riabilita gli operatori del settore"

Dichiarazione del coordinatore e consigliere regionale di Direzione Italia, Francesco Ventola

“La legge regionale sulle Attività Estrattive, approvata oggi, è sicuramente una buona notizia per il settore delle cave. Tanti onesti operatori, che per molti anni sono stati ‘processati’ ingiustamente sull’altare dell’ambientalismo di facciata, con questa normativa vedono non solo disciplinata la loro professione, ma anche riabilitati. Abbiamo lavorato in questo senso, contribuendo a migliorare il testo, e per questo abbiamo votato favorevolmente.

“Certo potevamo farla prima e farla meglio se solo avessimo avuto il coraggio di osare di più, individuando i poteri sostitutivi, proprio per evitare che ci possano essere delle inadempienze laddove i Comuni, magari, non sono ancora ben organizzati. Avremmo anche potuto ascoltare l’Autorità di bacino, perché ci sono territori dove è a rischio la salificazione il sottosuolo e, quindi, affrontare insieme agli imprenditori del settore e all’Autorità di bacino un tavolo che potesse meglio affrontare questi temi. Ma tant’è.

“Ma, ribadisco, abbiamo votato favorevolmente, soprattutto, perché finalmente questa Regione, dopo anni di assoluta visione un po’miope nei confronti del mondo delle cave e dei cavatori, per altro un settore importantissimo imprenditoriale della nostra Puglia, oggi cambia verso: non sono più degli approfittatori, coloro che danneggiano il territorio e il paesaggio, bensì coloro che lavorano anche per valorizzare le pietre stesse. Insomma, dopo anni finalmente non si ha più un atteggiamento belligerante, ma un atteggiamento più conciliativo nei confronti di migliaia di persone che sono direttamente coinvolte”. /com

 


 

Top