Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Areu, Dit: “Non siamo contrari, purchè vengano garantite e rispettate le prerogative dei medici, degli operatori sanitari e dei volontari”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Gentile, 52 - 70126 Bari - Tel 080.540.2296 - 2366
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 85 del
Sanità

Areu, Dit: “Non siamo contrari, purchè vengano garantite e rispettate le prerogative dei medici, degli operatori sanitari e dei volontari”

Dichiarazione congiunta dei consiglieri del Gruppo regionale di Direzione Italia (Ignazio Zullo, Francesco Ventola, Luigi Manca e Renato Perrini).
“Sul disegno di legge istitutivo dell’Agenzia regionale emergenza-urgenza (AREU) abbiamo dato segnali di apertura che ci auguriamo il presidente e assessore alla Sanità, Michele Emiliano, sappia e voglia cogliere. Non abbiamo espresso giudizi pregiudizialmente contrari perché responsabilmente riconosciamo che è una prerogativa del presidente della Giunta (ai sensi dell'art. 8, comma 1bis, del DEC. Leg. 502/92 e successive modifiche) farlo. Ma con questo riconoscimento è altresì logico che abbiamo voluto attirare l’attenzione di Emiliano anche sulla sua illegittima pretesa di trasformare coercitivamente il ‘rapporto convenzionale’ dei medici e degli operatori sanitari dell’emergenza territoriale, attualmente in servizio, in un ‘rapporto di dipendenza’ che può avvenire solo a domanda di chi è interessato. Per questo chiediamo una lineare e chiara regolarizzazione di rapporti tra il servizio pubblico e il volontariato.
Ci auguriamo che il presidente Emiliano sappia comprendere e cogliere i nostri contributi tesi anche a raffreddare il conflitto con i medici, gli operatori sanitari e il mondo del volontariato che operano nel servizio dell'emergenza sanitaria territoriale; un conflitto che avrebbe come unico risultato rendere più difficile il cammino di attuazione della nuova Agenzia. Insomma, in questo caso essere troppo intransigenti e avere un approccio legislativo del tipo ‘qui comando io e basta’ sarebbe solo controproducente non solo per il disegno di legge, ma per l’intero sistema.
Ci auguriamo che questa volta Emiliano sappia mettere da parte il ‘qui comando io’”./comunicato

Top