Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Ddl istituzione Azienda regionale dell’emergenza urgenza: le audizioni in III commissione (2)
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 4329 del
Commissioni

Ddl istituzione Azienda regionale dell’emergenza urgenza: le audizioni in III commissione (2)

Le audizioni della terza commissione consiliare sul disegno di legge relativo alla istituzione dell’Azienda regionale dell’emergenza urgenza (AREU) sono proseguite con gli interventi delle organizzazioni sindacali regionali dei medici, degli infermieri e delle associazioni di settore.
Pur concordando sulla necessità di mettere ordine all’interno del Servizio di emergenza-urgenza, e favorevole all’istituzione della nuova azienda, la UIL ha chiesto maggiori garanzie per chi è attualmente in servizio, con la chiara definizione dei percorsi per il transito del personale, senza che vi siano requisiti troppo stringenti, né obbligo al trasferimento. Sulla stessa linea i rappresentanti di USPPI e SMI favorevoli ad un inquadramento contrattuale uniforme per il personale medico. FIALS, CGIL e NURSIND hanno invece indicato di preferire un sistema dipartimentale in cui il personale dei pronto soccorso resti incardinato nelle aziende sanitarie di appartenenza, sollecitando garanzie di adeguato riconoscimento dei ruoli e delle professionalità attualmente esistenti. FSI-USAE ha suggerito l’istituzione di un’agenzia regionale, mentre FSI ha posto l’attenzione sulla formazione continua del personale, l’uniformità di protocolli e contratti e la necessità di riordinare le centrali operative. Infine Arsota, che riunisce case di cura private, le RSA e le strutture territoriali e gli ambulatori accreditati della Puglia, si è detta disponibile a collaborare all’interno del nuovo sistema prefigurato dalla legge.
Top