Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Xylella, Salento attende risposte e risorse. In attesa del ministro Centinaio. Blasi: "Emiliano sopprima la task force regionale e dia respiro ai vivaisti salentini "
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 4328 del
Agricoltura

Xylella, Salento attende risposte e risorse. In attesa del ministro Centinaio. Blasi: "Emiliano sopprima la task force regionale e dia respiro ai vivaisti salentini "



Nota del consigliere regionale PD Sergio Blasi.
"Luglio 2018. Il ministro Centinaio (Lega), fresco di nomina e carico di entusiasmo, arriva nel Salento per osservare da vicino la Xylella. A parte l’atteggiamento da sceriffo venuto da terre lontane e quello sguardo risoluto di chi è pronto a risolvere la situazione in quello stesso momento, cominciando proprio dal guardare risolutamente male la secchezza di quei rami, il ministro annuncia a microfoni spianati che al massimo entro settembre - “burocrazia permettendo” - sarebbe stato pronto un piano di intervento contro la batteriosi.
Siamo a novembre e il piano promesso dal ministro Centinaio non solo non è pronto ma, per quel che è dato sapere, cioè molto poco, non sembra nemmeno in dirittura d’arrivo.
Il ministro è semplicemente sparito dai radar. Ha rivolto il suo sguardo risoluto altrove, in compagnia di tutti i suoi colleghi ministri che di cognome non facciano Di Maio o Salvini, quelli che, fatta salva qualche rara eccezione, sono poco più che un insipido contorno alla portata principale. Spero di sbagliarmi, ma nutro il sospetto che a parte guardarla con fare minaccioso il ministro Centinaio non abbia idea di come fronteggiare la Xylella.
Vedremo se e cosa risponderà alla lettera a lui inviata dal presidente Emiliano, con cui si chiede conto di quel piano e si richiede una misura nazionale dal valore complessivo di 300 milioni per la lotta alla Xylella e per il rilancio complessivo del comparto agricolo pugliese.
In attesa di risposta, suggerisco però a Emiliano di portarsi avanti con il lavoro e di cominciare a fare pulizie in casa propria, ad esempio dando seguito alla mozione votata in Consiglio regionale sul superamento della task force regionale - da lui voluta e difesa - contro la Xylella. Superamento che per me equivale a soppressione. Poche chiacchiere: non è serio chiedere serietà agli altri - in questo caso a un ministro - se poi si portano avanti simili fesserie, qual è appunto la task force, frutto amarissimo del vizietto di tenere un piede in due scarpe: da un lato Emiliano sa bene che solo la scienza potrà farci fare passi in avanti contro la Xylella e che servono risorse, dall’altro strizza l’occhio al mondo della stregoneria agricola e della scienza da facebook che non hai avuto il coraggio politico di disconoscere, come l’esistenza stessa della task force dimostra. Sollecito inoltre Emiliano e la Regione a dare forza con i fatti a un comparto messo in ginocchio dall’emergenza Xylella, qual è quello vivaistico. Nel concreto si tratta di permettere - attraverso un’apposita legge regionale - di concedere ai vivaisti l’autorizzazione da parte del servizio fitosanitario regionale a produrre e commercializzare, anche all’interno delle aree delimitate, le piante - non solo ulivi - da loro stessi prodotte (naturalmente a esclusione delle piante ospiti). "

Top