Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Mennea: “Garantire la Cardiologia a Bisceglie fino alla realizzazione del nuovo ospedale Nord Barese”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 3970 del
Sanità

Mennea: “Garantire la Cardiologia a Bisceglie fino alla realizzazione del nuovo ospedale Nord Barese”

“Considerata la situazione delle strutture ospedaliere nella Bat e nel Nord Barese, dove i nuovi ospedali non saranno realizzati in tempi brevi, occorre riqualificare il presidio ospedaliero di Bisceglie portandolo da ospedale di base a ospedale di primo livello e mantenere i 12 posti letto dell’unità di Cardiologia. Questo, almeno sino a quando non sarà portata a termine la costruzione del nuovo presidio del Nord Barese”. A chiederlo con una interrogazione al presidente del Consiglio regionale pugliese è Ruggiero Mennea, consigliere regionale del Pd.
La situazione assistenziale pugliese vede, al momento, la provincia di Barletta-Andria-Trani penalizzata per la Cardiologia, con un rapporto posti letto-abitanti che è il più alto della Puglia ovvero con il minor numero di posti letto in rapporto alla popolazione. Il regolamento regionale 7 del 10 marzo 2017 prevede 40 posti letto di Cardiologia e 12 di Utic, di cui solo 8 al momento attivi (4 ad Andria e 4 a Barletta).
Nell’ospedale di Bisceglie invece sono assenti i posti letto dell’Utic, ma presente l’unità operativa di Cardiologia. Ma, in base alla deliberazione 53 della Giunta regionale del 23 gennaio 2018, è prevista la soppressione entro il 31 dicembre dei posti letto di Cardiologia dei presìdi di Corato, Molfetta e anche Bisceglie, con la surroga dei presidi da chiudere con la realizzazione dei nuovi ospedali di Andria-Corato e del Nord Barese (ovvero tra Molfetta, Terlizzi e Bisceglie).
“Ma la realizzazione dei nuovi ospedali di Andria-Corato e del Nord Barese – sottolinea Mennea – richiederà tempi lunghi, comunque non congrui con la prossima chiusura delle unità di Cardiologia prevista entro il prossimo 31 dicembre a Bisceglie, Corato e Molfetta. Peraltro l’ospedale di Bisceglie risulta ospedale base, al contrario di quello di Corato, classificato di primo livello nonostante l’assenza della Rianimazione. Bisceglie ha più posti letto di Corato (178 contro 102) e almeno sei unità operative specialistiche, tra cui la Terapia intensiva. Per questo chiedo che il nosocomio biscegliese sia diversamente qualificato, rendendo possibile offrire in questa struttura l’assistenza necessaria a un bacino di 220mila pazienti, almeno fino alla realizzazione del nuovo ospedale del Nord Barese. Questo – conclude Mennea – al fine di garantire pari assistenza sanitaria sul territorio regionale ed evitare i ‘viaggi’ fuori regione, che sono comunque a carico della sanità pugliese”./comunicato
Top