Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
IV commissione: sì a ddl per istituzione Registro regionale delle strutture ricettive non alberghiere
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Gentile, 52 - 70126 Bari - Tel 080.540.2296 - 2366
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 3345 del
Commissioni

IV commissione: sì a ddl per istituzione Registro regionale delle strutture ricettive non alberghiere

La IV commissione, presieduta da Donato Pentassuglia,  ha approvato all’unanimità il disegno di legge sulla “Integrazione alla legge regionale 1 dicembre 2017, n. 49 ‘Disciplina della comunicazione dei prezzi e dei servizi delle strutture turistiche ricettive nonché delle attività turistiche ricettive ad uso pubblico gestite in regime di concessione e della rilevazione dei dati sul movimento turistico ai fini statistici’”.
Il provvedimento istituisce in particolare, ai fini della conoscenza dell’offerta turistica regionale, il Registro regionale delle strutture ricettive non alberghiere con l’attribuzione del “Codice identificativo di struttura” (CIS). Quest’ultimo dovrà obbligatoriamente essere citato al fine di agevolare i controlli in tutti i supporti pubblicitari utilizzati (digitali, scritti, stampati etc). Per gli inadempienti sono previste sanzioni pecuniarie da un minimo di 500 a una massimo di 3.000 euro per ogni attività pubblicizzata, promossa o commercializzata priva del CIS. Le funzioni di vigilanza, controllo e di irrogazioni delle sanzioni amministrative saranno esercitate dai comuni, ferma restando la competenza dell’autorità di pubblica sicurezza e dell’autorità sanitaria nei settori di pertinenza.
La commissione, inoltre, su richiesta dell’assessore al Turismo Loredana Capone, ha deciso di prorogare di una settimana l’esame della proposta di legge (presentata da Ruggiero Mennea, Francesca Franzoso, Fabiano Amati, Donato Pentatassuglia e Giovanni Liviano) sulle “Modifiche alla legge regionale 11 febbraio 1999, n.11 (Disciplina delle strutture ricettive ex artt. 5, 6 e 10 della legge 17 maggio 1983, n.217 delle attività turistiche ad uso pubblico gestite in regime di concessione e delle associazioni senza scopo di lucro)”.
Il provvedimento punta a qualificare le attività turistico balneari attraverso una classificazione degli stabilimenti balneari con l’attribuzione di stelle così come già accade per le strutture ricettive, fissando i requisiti previsti in relazione ai vari standards.
L’assessore ha espresso l’esigenza di un approfondimento tecnico sulla pdl, sottolineando tra l’altro la necessità di raccordarsi con la normativa nazionale, tenendo conto anche che la scadenza per tutte le concessioni è prevista per il 31.12.2020, a fronte dell’obbligo della classificazione per il rilascio delle nuove autorizzazioni dall’1 gennaio 2019 fissato dalla pdl. Da approfondire anche la griglia dei requisiti obbligatori per la classificazione dei lidi.
Il primo firmatario della pdl Mennea ha sottolineato che quello di oggi è un primo passo che punta preliminarmente a fissare la foto dell’esistente in Puglia, introducendo dei meccanismi regolatori della qualità del servizio a tutela anche dei consumatori. Successivamente si procederà con gli altri adempimenti in raccordo con gli sviluppi della legislazione nazionale e con quanto previsto dal Piano regionale della coste.
L’altra proposta di legge all’esame della commissione a firma di Gatta, Marmo e Damascelli ““Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 11 febbraio 1999, n. 11 (Disciplina delle strutture ricettive ex artt. 5, 6 e 10 della legge 17 maggio 1993, n. 217 delle attività turistiche ad uso pubblico gestite in regime di concessione e delle associazioni senza scopo di lucro)”, è stata ritirata e sarà accorpata alla pdl Mennea, avendo come oggetto sempre alcune modifiche alla L.R. n. 11/1999 ma in relazione ad articolato diverso.




Top