Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Lecce, inchiesta voto di scambio. M5S: “Con Decreto ‘Spazza Corrotti’ contrasteremo corruzione e voto di scambio”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 3139 del
Politica

Lecce, inchiesta voto di scambio. M5S: “Con Decreto ‘Spazza Corrotti’ contrasteremo corruzione e voto di scambio”

“Con il Decreto ‘Spazza Corrotti’ finalmente riusciremo a contrastare efficacemente reati come corruzione e voto di scambio. Quello che è successo a Lecce non deve più ripetersi”. Lo dichiarano i consiglieri regionali del M5S Antonella Laricchia, Antonio Trevisi e Cristian Casili in seguito all’inchiesta della Procura di Lecce su un presunto voto di scambio alla base dell’assegnazione delle case popolari, che vede indagati politici e dirigenti del Comune.
“Noi del M5S Puglia siamo in prima linea da anni nella lotta al voto di scambio - continuano i pentastellati - attraverso la piattaforma ‘Voto libero’. Una pratica che è stata segnalata e duramente combattuta, proprio durante la campagna elettorale delle amministrative a Lecce, anche dal nostro consigliere comunale ed ex candidato sindaco Fabio Valente. Ma ora esiste uno strumento in più in soccorso di tutti i cittadini onesti.
Con lo ‘Spazza Corrotti’, il Decreto Legge recentemente approvato dal Consiglio dei Ministri e in attesa di discussione alle Camere, chiunque corrompa o venga corrotto, non potrà più stipulare contratti con la Pubblica Amministrazione e non potrà avere accesso agli Uffici Pubblici dai 5 ai 7 anni se la pena inflitta è inferiore ai due anni di carcere. Se, invece, la pena inflitta è superiore ai due anni di reclusione, il divieto durerà per tutta la vita. A partire da oggi, non vedremo più negli Uffici Pubblici quei dipendenti infedeli e prezzolati, non sentiremo più imprenditori ridere dopo una catastrofe, convinti di fare affari ai danni dei cittadini. Non dovrà più esistere la circostanza per cui un cittadino onesto debba pagare per ottenere un diritto che è già suo solo perché un dipendente senza scrupoli ha il potere di far partire o fermare l’iter di una pratica.
Il nostro Paese, adesso, diventa esemplare nella lotta alla corruzione. Chi sbaglia paga, e paga per tutta la sua vita lavorativa. Onestà - concludono - non è solo un motto, ma il nostro stile di vita e di comportamento”./comunicato
Top