Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
ZES jonica, Borraccino: "Chiediamo alla Regione Puglia più impegno per il nostro territorio"
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 2451 del
Attività produttive

ZES jonica, Borraccino: "Chiediamo alla Regione Puglia più impegno per il nostro territorio"

Comunicato stampa del consigliere regionale di Sinistra Italiana/Liberi E Uguali Mino Borraccino: 

Oggi molti giornali hanno parlato con grande interesse, delle  Zone Economiche Speciali istituite per favorire la crescita economica, in forza di questo, torniamo a chiedere impegno alla Regione Puglia a fare in fretta e a deliberare insieme le due ZES.

Da ieri è noto che la Regione Basilicata ha già approvato la parte di propria competenza , attraverso il “Piano di Sviluppo Strategico ZES Basilicata a carattere interregionale”, dopo la vana attesa di concertazione con la Regione Puglia sulla parte comune jonica, che fa perno sul porto di Taranto. 

Pertanto chiediamo al Presidente Emiliano di definire le attività istruttorie,  affinchè le due ZES, quella adriatica e quella jonica,  che interessano il territorio pugliese, possano essere avviate  insieme. 

Ricordiamo che, come previsto dal Decreto Sud, D.L. 91/2017,  la nuova formulazione delle ZES,  rappresenta  un vero e proprio  volano per la crescita economica, assieme alla  misura “Resto al Sud”, per l'imprenditoria giovanile, strategie molto diffuse anche all’estero, Dubai è un più che valido esempio! 

I benefici fiscali e le semplificazioni amministrative infatti garantiscono la buona riuscita delle imprese insediate sul territorio, capaci di attrarre anche  investimenti esteri grazie alla possibilità di sfruttare l'area portuale, ed aeroportuale, di cui la città di Taranto è dotata. Sarebbe un controsenso partire proprio senza una zona dalle grosse potenzialità, come quella jonica, con indubbie ricadute su tutto il territorio regionale. Non si possono aggiungere ulteriori penalizzazioni ad una provincia già duramente provata dalla crisi occupazionale e da un insopportabile livello di inquinamento e danno sanitario. /com


Top