Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Rifiuti Adelfia, M5S chiede chiarimenti su situazione stabilimento ex Sapa
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 12 del
Rifiuti

Rifiuti Adelfia, M5S chiede chiarimenti su situazione stabilimento ex Sapa

Il Movimento 5 Stelle ha chiesto chiarimenti all’assessore regionale all’ambiente Filippo Caracciolo, in merito alla situazione dell’ex Sapa, lo stabilimento a circa 3 chilometri da Adelfia in cui si svolgevano attività di recupero di rifiuti speciali non pericolosi e trasformazione in compost, sequestrato nel 2005.
“Nonostante le bonifiche - dichiara la consigliera regionale M5S Antonella Laricchia - è ancora ingente la quantità di rifiuti accatastati nel capannone. Nel 2015 il Comune di Adelfia aveva comunicato la completa rimozione dei cumuli, ma in realtà le operazioni non sono state completate e occorre sapere il perché e se esistano delle analisi che accertino che i cumuli attualmente presenti non contengono materiale contaminato”.  Nell’ottobre 2005 lo stabilimento fu sequestrato dai carabinieri del Noe, in quanto in alcuni campioni di concimi e fertilizzanti per l’agricoltura prodotti dall’azienda erano stati rinvenuti quantitativi in eccesso di metalli pesanti. Nel 2009 la Regione Puglia inserì il sito ex Sapa nel Piano regionale delle bonifiche e, alla fine del 2010, stanziò i finanziamenti necessari per la caratterizzazione, la messa in sicurezza e la bonifica. Nel 2007 il curatore fallimentare dell’azienda comunicava i risultati delle analisi chimiche che evidenziavano “una contaminazione non trascurabile di metalli pesanti; il percolato presente sul piazzale è contaminato dalla salmonella” e indicava pertanto i criteri per la messa in sicurezza dei luoghi, che però, a distanza di oltre 10 anni, pare non essersi realizzata del tutto.
“A questo punto è necessario sapere anche a quanto ammontano i finanziamenti regionali sino ad ora concessi al Comune per le attività di messa in sicurezza d’emergenza del sito - conclude Laricchia - e se siano previste ulteriori risorse per completare le attività, una pratica purtroppo fin troppo diffusa”.
Top