Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Bilancio, Congedo: “Manovra ruffiana, interventi utili a sedare mal di pancia del centrosinistra”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 5805 del
Sedute Consiglio

Bilancio, Congedo: “Manovra ruffiana, interventi utili a sedare mal di pancia del centrosinistra”

Una nota del consigliere regionale Fratelli d'Italia Erio Congedo
“Un Bilancio ruffiano, farcito di interventi di carattere particolare, utili solo a carpire la benevolenza dei consiglieri di una maggioranza che negli ultimi mesi ha mostrato divisioni e mal di pancia, sfociati in una serie continua di sedute del Consiglio sciolte per mancanza di numero legale e che hanno bloccato e ritardato l’attività legislativa. Una manovra da record, con 118 articoli (65 articoli + 53 emendamenti) interamente caratterizzati da interventi particolari, per meglio dire ‘mancette’.
Uno su tutti, il contributo straordinario per l'integrazione culturale dei cittadini extracomunitari che frequentino istituti scolastici pubblici primari. Mi chiedo come mai il Governo non abbia lo stesso riguardo -ad esempio- per l'integrazione di ragazzi diversamente abili, ragazzi vittime di bullismo o vittime di violenza domestica.
La condizione della Puglia, con l’economia in affanno, le imprese che chiudono, i giovani che emigrano (dati CGIL riportano che dal 2008 ne sono andati via dalla Puglia circa 20mila), il blocco opere pubbliche, il basso tasso natalità o il calo demografico, meritava ben altro tipo di approccio. Si è scelta la strada del piccolo cabotaggio, rinunciando ad una politica di interventi di carattere duraturo e strategico in grado di sviluppare investimenti e crescita economica di cui la Regione ha estremo bisogno.
Dispiace, infine, che su questa manovra non ci sia stata la possibilità di un confronto sulle politiche familiari regionali; la famiglia è la vera assente, non solo di questa manovra ma dell’intera azione del governo regionale e del centrosinistra”./comunicato
Top