Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Foggia, criticità nei concorsi universitari. M5S porta caso su tavolo Ministro. Barone: “Vogliamo vederci chiaro”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 5759 del
Istruzione e formazione

Foggia, criticità nei concorsi universitari. M5S porta caso su tavolo Ministro. Barone: “Vogliamo vederci chiaro”

“Ho interessato i nostri portavoce M5S in Senato per far luce su quello che sta succedendo all’Università di Foggia”. Lo dichiara la consigliera del M5S Rosa Barone in seguito alle notizie apparse sulla stampa in merito alle gravi criticità riscontrate nei concorsi per professore di prima e seconda fascia dell’Università di Foggia. Diverse le presunte anomalie segnalate alla Procura negli esposti della professoressa Cangelli, in cui si parla di irregolarità che sembrerebbero orientate a favorire, nelle selezioni dei concorsi, persone vicine al rettore Maurizio Ricci.

“Il nostro Portavoce in Senato Maurizio Buccarella - spiega Barone - assieme ad altri 12 colleghi ha presentato un’interrogazione indirizzata al Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli per conoscere quali azioni intenda assumere per porre rimedio alle criticità segnalate e per tutelare l’intera comunità accademica. Le università devono premiare il merito e non assecondare i desideri degli amici o di persone vicine. In un momento come questo - incalza la pentastellata - non può lasciarci indifferenti la voce secondo cui lo stesso Ricci sarebbe prossimo ad una candidatura senatoriale con il PD. Una situazione che, se fosse verificata, sarebbe quantomeno inopportuna soprattutto con le elezioni ormai alle porte. Che cosa succederebbe se Ricci diventasse Senatore e acquisisse di conseguenza l’immunità parlamentare qualora le indagini ne accertassero eventuali omissioni, colpe o negligenze? Si tratta di una situazione che va chiarita al più presto e mentre la Procura svolge il proprio lavoro, - conclude - chiediamo al Ministero spiegazioni e l’avvio di ulteriori controlli.”
Top