Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Santorsola: “Perché Comune Trani su Palazzo Carcano, ex convento agostiniani e Vittorio Emanuele II usa due pesi e due misure?
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 5723 del
Autonomie locali

Santorsola: “Perché Comune Trani su Palazzo Carcano, ex convento agostiniani e Vittorio Emanuele II usa due pesi e due misure?

Il consigliere della Regione Puglia Mimmo Santorsola ha rilasciato la seguente dichiarazione.
“Poiché in una società civile tutti hanno le stesse opportunità, gli indigenti e gli anziani sono come i magistrati e gli avvocati. Allora perché il Comune di Trani su Palazzo Carcano, ex convento degli agostiniani e Vittorio Emanuele II, usa due pesi e due misure?
Il consiglio comunale ha approvato la cessione gratuita di Palazzo Carcano allo Stato. Qui verranno allocati gli uffici giudiziari del Tribunale di Trani. L’operazione ovviamente è importante e positiva, se consideriamo che il Comune affida al Ministero un bene che non riesce a gestire al meglio per mancanza di fondi.
Ma per coerenza ed onestà intellettuale serve ricordare alla stessa amministrazione comunale che, pur in presenza di finanziamenti regionali (3 milioni di euro, eventualmente integrabili con ulteriori somme) per la ristrutturazione dell’ex convento degli agostiniani, in piazza Gradenigo, non è stato valutato e presentato alcun progetto per quell’immobile, che sarebbe potuto essere destinato ad uffici Asl Bt o a una possibile sede distaccata della Regione.
Lo stesso dicasi della Asp Vittorio Emanuele II: un progetto presentato dal commissario straordinario potrebbe far accedere la struttura a dei fondi regionali che promuoverebbero l’immobile, fornendo servizi ad anziani e meno abbienti. Ma è necessario che il Comune dia alla Asp un uso perpetuo e una concessione
Top