Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
M5S presenta proposta di legge su piattaforma di scambio per filiera corta
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 5611 del
Attività produttive

M5S presenta proposta di legge su piattaforma di scambio per filiera corta

Sviluppare i principi dell’economia solidale nel sistema produttivo ed economico pugliese con la introduzione di strumenti di scambio non monetari creati dal basso, attraverso la realizzazione di un circuito di compensazione regionale multilaterale e complementare. E’ questo che si prefigge la proposta di legge del gruppo M5S presentata in conferenza stampa da Antonio Trevisi.
“Si tratta di un’azione forte – ha detto – in un Paese come il nostro in cui non è possibile fare politica monetaria essendo questa stata demandata all’Ue” e che vede le piccole e medie imprese spesso con grossi problemi di liquidità, alle prese con un sistema bancario piuttosto distante.
Di qui la pdl che con la moneta complementare (già presente in Sardegna con il Sardex) punta a mettere le imprese nelle condizioni di acquistare e vendere beni e servizi senza esborso di danaro, attraverso un sistema di compensazione di crediti e debiti commerciali a tasso zero garantito da un’apposita piattaforma.
La pdl prevede che la Giunta regionale definisca gli indirizzi per avviare, in forma sperimentale e su base volontaria, un circuito di compensazione pugliese, con la previsione di una procedura di evidenza pubblica per selezionare il partner operativo per la relativa gestione. La giunta si avvarrà di Puglia Sviluppo per coordinare e monitorare la sperimentazione e dell’IPRES per l’analisi sugli aspetti macroeconomici e per le simulazioni a supporto delle valutazioni tecniche nella fase sperimentale. Sarà poi il Consiglio regionale a esercitare il controllo sull’attuazione della legge.
Top