Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Abaterusso: “Aziende colpite da Xylella, Regione si attivi per procedure UE"
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 5530 del
Agricoltura

Abaterusso: “Aziende colpite da Xylella, Regione si attivi per procedure UE"

Nota del Presidente Gruppo consiliare Art.1 – MDP /Liberi e Uguali, Ernesto Abaterusso

"È necessario che le aziende che hanno sostenuto investimenti con la programmazione 2007-2013 e che, a causa della Xylella, non riescono a completare i progetti o i pagamenti, possano accedere alle procedure previste per le cause di forza maggiore presenti nella normativa europea. Per questo ho depositato stamattina in Consiglio regionale una mozione affinché la Regione Puglia, nella persona dell’Assessore alle Risorse agroalimentari Di Gioia, chieda all’Unione Europea l’attivazione di tutte le procedure previste dalla regolamentazione comunitaria, in particolar modo quella disposta dall’art. 4 del regolamento UE n. 640/2014, che prevede, in caso di forza maggiore o di circostanze eccezionali (e la Xylella è uno di questi), che gli Stati membri non richiedano al beneficiario il rimborso, né parziale né integrale, del sostegno ricevuto per il mancato rispetto degli impegni assunti.
Trovo che garantire a tutte quelle aziende salentine che proprio grazie alla programmazione europea 2007/2013 hanno realizzato investimenti e che oggi, causa il persistere della batteriosi, non sono più in grado di completare tali investimenti, misure capaci di evitare un ulteriore aggravamento della loro situazione, sia un’esigenza fondamentale e improcrastinabile.
Un comparto importante e strategico per la Puglia e il Salento rischia oggi di essere spazzato via a causa dell’immobilismo delle istituzioni e dell’inerzia di fronte all’avanzare del batterio. Non possiamo più indugiare perché quello della Xylella non è un problema che riguarda solo gli agricoltori e le aziende colpite, ma tocca tutti noi. Tocca il nostro territorio, la nostra storia, la nostra cultura così come anche la nostra economia". /comunicato

Top