Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Ilva, Franzoso: “Emiliano cerca spallata giudiziaria. Riprenda strada dialogo col Governo”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 5431 del
Sedute Consiglio

Ilva, Franzoso: “Emiliano cerca spallata giudiziaria. Riprenda strada dialogo col Governo”

“No a spallate giudiziarie nella vertenza Ilva. Regione e Comune di Taranto rinuncino al muro contro muro e riprendano la strada del dialogo col Governo. È da irresponsabili interrompere il percorso di rilancio occupazionale, risanamento ambientale, investimenti industriali, avviato negli ultimi mesi”.
Queste, in estrema sintesi, le ragioni con cui Francesca Franzoso, per il gruppo di Forza italia, ha ribadito, oggi in Aula, la netta contrarietà al ricorso della Regione contro il Dpcm che approva il piano ambientale Ilva.
“Quella del Governatore sembra l’ennesima mossa ad effetto per strappare il consenso della piazza e mediatico. Dopo cinque anni di attesa e di sconvolgimenti sociali e dentro e fuori la fabbrica, l’unica cosa che non serve, ora, è prolungare l’incertezza. E’ impensabile che una vertenza così complessa possa risolversi per via giudiziaria.
Dopo anni di sequestri, capitali in fumo, esuberi, posti di lavoro bruciati, il ricorso amministrativo blocca l’avvio di un processo di normalizzazione, l’uscita dal guado, iniziato a fatica: il trasferimento del principale complesso siderurgico dalla gestione commissariale ad un big player mondiale dell’acciaio.
Sul fronte ambientale c’è stato l’impegno ad anticipare lo start dei lavori per la copertura dei parchi minerali. E su quello occupazionale le rassicurazioni a mantenere numeri e posizioni retributive.
Tutto in poche settimane. Grazie al confronto, alle trattative serrate, alla mediazione. Ora il ricorso ai giudici rischia di far saltare di nuovo il banco. Il nodo Ilva è in gran parte sulla nostra Regione e tocca a noi rappresentarlo, in un esercizio di massima responsabilità, per il potere e il ruolo che ci è dato, senza cercare soluzioni giudiziarie al problema”. /comunicato
Top