Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Morgante: “Bonifica discarica Li Cicci, la mia risposta all’appello dell’ing. Orlando”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 5276 del
Territorio e Ambiente

Morgante: “Bonifica discarica Li Cicci, la mia risposta all’appello dell’ing. Orlando”

Di seguito, una nota del consigliere regionale di Alternativa Popolare, Luigi Morgante.
“La bonifica dell’area nel quale insiste la discarica Li Cicci è una delle ragioni che mi hanno spinto a candidarmi per entrare in consiglio regionale, per farmi interprete e portavoce delle istanze e delle esigenze del mio territorio e della comunità che intendo rappresentare al meglio delle mie possibilità, pienamente sostenuto dal mio partito. Il mio impegno e i miei sforzi hanno prodotto un continuo e proficuo confronto e una importante attenzione da parte della struttura tecnica dell’ente e dell’esecutivo Regionale, al di là delle collocazioni politiche e dei ruoli ricoperti. Per questo, ringrazio l’ing. Emanuele Orlando, dirigente dell’ufficio tecnico del Comune di Manduria, per la sollecitazione rivoltami direttamente dopo la Conferenza dei Servizi svoltasi a Bari e la preoccupazione per l’ulteriore slittamento temporale che potrebbe determinarsi ove vi fosse una contaminazione dei suoli e della falda.
Ho avuto riscontri e rassicurazioni sulla volontà da parte della Regione Puglia di procedere con la caratterizzazione e alla bonifica dell’area, considerando prioritari gli interventi, qualora le indagini preliminari evidenziassero condizioni di rischio della salute umana. A tal proposito sin da ora chiedo alle autorità di controllo preposte di provvedere ad effettuare le prime indagini, per dare concreto avvio al tavolo tecnico-politico Regionale. Ma la tutela della salute pubblica va garantita e il fattore economico non può costituire un motivo ostativo al prosieguo dei lavori.
Continuerò quindi a fare come sempre, a sollecitare gli organi preposti e le parti interessate, a richiedere ampia chiarezza e trasparenza, doverosa verso l’opinione pubblica, e partecipazione altrettanto doverosa, ben tenendo presente l’obiettivo da raggiungere”./comunicato

Top