Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Consiglio regionale: approvate le modifiche alla legge istitutiva del Parco delle Gravine
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 5214 del
Sedute Consiglio

Consiglio regionale: approvate le modifiche alla legge istitutiva del Parco delle Gravine

Approvato a maggioranza, con il solo voto contrario del consigliere Borraccino (SI), il disegno di legge di modifica alla legge regionale di “Istituzione del Parco naturale regionale Terra delle Gravine”.
Cambia così la gestione del parco naturale regionale Terre delle Gravine, considerato che con questa modifica il governo regionale è intervenuto ad allineare la disciplina gestionale del parco a quella delle altre aree naturali protette regionali. Anche nel caso del Parco di Terre delle Gravine la gestione definitiva sarà affidata ad un consorzio costituito dai comuni territorialmente interessati. La Regione ne ha raccolto le richieste ed ha ritenuto questa soluzione come la più opportuna per superare le criticità emerse nel corso di quest’ultimo decennio, nel corso del quale la gestione provvisoria del Parco è stata affidata alla Provincia.
Con un emendamento proposto dall’assessore all’urbanistica Alfonso Pisicchio è stata aggiunta un’altra modifica che va a semplificare le modalità previste relativamente alla realizzazione degli interventi da effettuarsi su edifici ubicati nei centri edificati, per la quale è necessaria la presentazione di una dichiarazione sottoscritta dal proponente e dal tecnico incaricato, attestante la conformità degli interventi da realizzare.
Un'altra modifica apportata è frutto di un emendamento a firma del consigliere Pentassuglia (PD), che interessa la perimetrazione del Parco, secondo cui deve essere rivista utilizzando confini certi, quali strade e muri a secco, al fine di tabellarla obbligatoriamente e opportunamente, sentiti i sindaci dei comuni interessati dal Parco.
Top