Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Nuove discipline per i prezzi delle strutture turistiche. Sì all’unanimità del Consiglio
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 5199 del
Sedute Consiglio

Nuove discipline per i prezzi delle strutture turistiche. Sì all’unanimità del Consiglio


Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità il disegno di legge riguardante la “disciplina della comunicazione dei prezzi e dei servizi delle strutture turistiche ricettive, nonché delle attività turistiche ricettive ad uso pubblico gestite in regime di concessione e della rilevazione dei dati sul movimento turistico a fini statistici”.
Si tratta di norme necessarie per poter consentire alla Regione nuove ed efficaci strategie politiche per il settore, ha spiegato l’assessore Loredana Capone.
“L’industria del turismo in Puglia occupa un posto sempre più importante nell’economia regionale e le attività turistiche sono una significativa fonte di occupazione. – Ha detto Loredana Capone - in tal senso si rende necessario misurare i flussi turistici stagionali per poter sviluppare strategie accurate e sempre più adeguate al miglioramento dell’estensione stagionale delle vacanze e delle attività turistiche”.
“L’esistenza di un idoneo sistema di informazione sui prezzi praticati e sui servizi offerti dalle strutture – ha continuato l’assessore – garantisce condizioni di trasparenza del mercato e favorisce lo sviluppo del sistema turistico nel suo complesso”.
Il disegno di legge, è il risultato di un confronto con il partenariato e recepisce il principio della liberalizzazione delle tariffe, quindi, con decorrenza primo ottobre 2018 (contestualmente alla scadenza per la presentazione telematica di tutte le procedure burocratiche) , i titolari delle strutture turistiche alberghiere, extralberghiere , compresi gli agriturismi, dovranno comunicare i prezzi stagionali che si si intenderanno come massimi da praticare ai clienti delle strutture.

Qualora la struttura praticasse un prezzo complessivo, questo non dovrà essere superiore alla somma dei prezzi comunicati per i singoli servizi offerti . In questo caso i prezzi, che vanno annualmente comunicati telematicamente all’Agenzia regionale per il turismo Pugliapromozione entro il primo ottobre di ogni anno, devono essere comprensivi di tutte le voci accessorie necessarie per la fruizione del servizio offerto.
Contestualmente, il disegno di legge fissa l’obbligo per i titolari delle strutture turistiche, compresi i bed & breakfast, di inoltrare all’Osservatorio regionale per il turismo, sempre per via telematica, i dati relativi al movimento turistico (arrivi, presenze partenze, paesi di provenienza, ed altre informazioni utili a fini statistici). Anche in questo caso, analogamente al mancato rispetto delle norme relative alle comunicazioni su prezzi e servizi, sono previste sanzioni pecuniarie.
“Le imprese pugliesi che operano nel settore del turismo sono per la maggior parte di piccole e medie dimensioni e l’importanza strategica delle piccole e medie imprese per il turismo non è limitata al loro valore economico e alle loro notevoli potenzialità di creazione di posti di lavoro. Esse sono anche alla base della stabilità e della prosperità delle comunità locali, salvaguardando l’ospitalità e l’identità locale che costituiscono la peculiarità del turismo nella nostra regione. – si legge nella relazione di presentazione del testo di legge del presidente della IV Commissione, Donato Pentassuglia -.
“Con questo ddl – ha concluso Pentassuglia – ci si propone lo scopo di contemperare, da una parte le aspettative di tutela dell’utenza turistica e , dall’altra, le esigenze di esercizio dell’attività di impresa turistica in condizioni di economicità e concorrenzialità”.
pat.sga
Top