Home / Consiglio / Presidente del Consiglio / Agorà del Presidente / 
Giornata dell’infanzia: bambini aiutateci a costruire una società migliore
Storia - Cultura

Giornata dell’infanzia: bambini aiutateci a costruire una società migliore

La 28a Giornata mondiale dell’infanzia e dell’adolescenza è stata celebrata nella sala del Consiglio regionale della Puglia, alla presenza dei presidenti di Giunta e Assemblea, Michele Emiliano e Mario Loizzo, su iniziativa del garante pugliese per i minori, Ludovico Abbaticchio.
In un’aula consiliare gremita di grembiulini blu delle alunne e alunni del circolo didattico barese Re David, protagonisti sono stati i bambini, con canti, letture e citazioni degli articoli della Convenzione dei diritti dell’infanzia, firmata a New York il 20 novembre 1989.
Per il presidente Emiliano, è importante che siano i più piccoli a dare un significato a questa giornata e a riaffermarne i valori, perché “gli adulti dicono una cosa e ne fanno un’altra”, mentre i bambini dicono quelle cose che gli altri non vogliono dire: che c’è l’inquinamento, che qualche economia debole sfrutta il lavoro dei minori, che la parità delle donne non è realizzata, anche in società moderne come la nostra.
“Crescete imparando a diventare adulti che rispettano i bambini, aiutateci a difendere i principi della nostra civiltà, a combattere le cose cattive, a proteggere l’ambiente. Non si può aspettare che i diritti vengano rispettati, bisogna battersi perché lo siano”, ha detto Emiliano.
Per il presidente del Consiglio regionale, Mario Loizzo, ospitare questa giornata nella sede dell’Assemblea legislativa pugliese valorizza un appuntamento che non è mero rituale, ma un momento importante di scambio di opinioni, di maturazione di consapevolezze.
Uno dei temi sui quali riflettere, ha fatto notare Loizzo, è la violenza sui minori, che ha tanti aspetti. È fisica, morale, si allarga al contesto sociale in cui si vive e alle nuove povertà, ai processi di impoverimento che aggrediscono anche chi ha un lavoro, ma un reddito insufficiente,
Fate tesoro dell’insegnamento, ha concluso Loizzo rivolgendosi agli scolari, cercate di apprendere dalla scuola e dagli insegnanti come maturare un nuovo spirito civico, che vi consenta di costruire insieme una società migliore”.
Tra i temi affrontati, l’assistenza ai minori stranieri non accompagnati, il progetto “Diritti in tour”, l’educazione alla salute nell’adolescenza e il ruolo strategico delle organizzazioni del terzo e quarto settore nel valutare le esigenze sul territorio e gestire le situazioni di disagio delle fasce più deboli.
Il garante Abbaticchio ha illustrato le linee di indirizzo dell’Ufficio per il prossimo quinquennio, con azioni nei sei capoluoghi di provincia, laboratori, lezioni in classe, incontri di formazione e forum aperti alla libera cittadinanza in materia di educazione alla salute e alla sessualità, con la collaborazione delle Associazioni. (fel)
Top