Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Breast Unit, Manca: “La prevenzione dei tumori non si fa dovendo fare i conti con il ministero delle finanze”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 4240 del
Sanità

Breast Unit, Manca: “La prevenzione dei tumori non si fa dovendo fare i conti con il ministero delle finanze”

Il vicepresidente della Commissione Sanità e consigliere regionale di Direzione Italia, Luigi Manca, ha partecipato questa mattina all’importante convegno "Tumore al seno e Breast Unit in Puglia".
“Guarire dal tumore al seno si può. La percentuale, però, non deve dipendere se la donna risiede al Nord o al Sud, ma soprattutto quando parliamo di prevenzione il nostro interlocutore deve essere il Ministero della Salute e, invece, finiamo per dover ‘fare i conti’, in tutti i sensi, con il Ministero delle Finanze” E’ questo il messaggio che oggi abbiamo lanciato dalla Puglia non solo al nostro presidente e assessore regionale alla Salute, Michele Emiliano, ma anche al governo nazionale nel corso del convegno "Tumore al seno e Breast Unit in Puglia", organizzato a Bari da Europa Donna Italia, movimento che tutela i diritti delle donne alla prevenzione e cura del tumore al seno.
Fin dal mio insediamento in Regione, come consigliere regionale e vice presidente della Commissione Sanità ho sollecitato i vertici operativi della Sanità pugliese, Giovanni Gorgoni e Giancarlo Ruscitti, a colmare il gap che la Puglia ha nei confronti delle altre regioni, in modo particolare del Nord, in tema di organizzazione delle Breast Unit, i centri di senologia multidisciplinari. La Breast Unit consente alle donne con tumore di essere prese in cura a 360 gradi e quindi conseguentemente consente più possibilità di guarigione. Ma ogni centro dovrebbe essere dotato di professionalità: la presenza di colleghi con specializzazione multidisciplinare è fondamentale. Ma se il pubblico è bloccato dal Piano di Riordino per le assunzioni e se il privato non può chiedere rimborsi maggiori e allora si capisce bene che la sola volontà di creare una rete che aiuti la donna a prevenire o a guarire dal tumore al seno diventano solo espressioni di buona volontà.
Oggi da Emiliano a Ruscitti passando da Gorgoni ho sentito parole rassicuranti. Ora mi auguro che non debba finire la legislatura prima che l’organizzazione delle Breast Unit diventino davvero operative./comunicato
Top