Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Agricoltura sociale. Turco a Emiliano per associazione Autismiamo di Pulsano: “Aiutiamola a realizzare un sogno”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 3794 del
Servizi sociali

Agricoltura sociale. Turco a Emiliano per associazione Autismiamo di Pulsano: “Aiutiamola a realizzare un sogno”

“Diamo una speranza in più a 90 famiglie che hanno solo un sogno: vedere i propri ragazzi sorridere. E sono convinto che il governatore Michele Emiliano e la sua giunta ascolteranno queste richiesta che profuma di speranza. La speranza di allontanare le ombre e i fantasmi dell’autismo”.
Lo dichiara il consigliere regionale de La Puglia con Emiliano, Giuseppe Turco, che nelle scorse ore ha scritto una lettera al governatore della Regione Puglia per sostenere la richiesta dell’associazione Autismiamo di Pulsano, nata qualche mese fa.
“Si tratta - spiega il consigliere tarantino – di una onlus di genitori di ragazzi affetti da autismo che chiede di poter utilizzare in comodato d’uso il piano terra e le aree limitrofe della Masseria Russoli, una struttura che loro sono pronti a trasformare nella sede dell’agricoltura sociale. Per questo chiedo uno sforzo alla giunta regionale e alle strutture dirigenziali affinché si superino gli ostacoli burocratici accelerando la concessione dell’immobile e trasformando un sogno in realtà”.
“In questi due anni – sottolinea Turco - la giunta e il consiglio regionale hanno fatto molto, con regolamenti, ddl e leggi, su temi importanti come le disabilità e l’inclusione dei più deboli. Ma spesso le norme da sole non bastano, servono anche programmi e progetti di sostegno. Bene, l’agricoltura sociale – già ampiamente sperimentata con successo in diverse realtà italiane – serve a creare un’interazione costante e foriera di stimoli, affetti e impegni per questi ragazzi.
L’agricoltura sociale – conclude Turco - abbatte ogni tipo di ghettizzazione, ogni tipo di barriera architettonica e, assieme ad altri trattamenti, dall’Aba alle terapie farmacologiche, può davvero ridare speranza a queste famiglie. Ma soprattutto a questi ragazzi. Non lasciamoli soli”. /comunicato
Top