Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Consiglio regionale – Loizzo: “Solo buon senso per dare centralità all’assemblea”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 2837 del
Presidente del Consiglio

Consiglio regionale – Loizzo: “Solo buon senso per dare centralità all’assemblea”

Creare la consapevolezza della centralità del Consiglio regionale rispetto agli impegni istituzionali e politici che ogni consigliere regionale, pur legittimamente, svolge. Questo l’obiettivo che si è posto il presidente del Consiglio regionale Mario Loizzo nell’adottare nella seduta dello scorso 6 giugno quanto la Conferenza dei Capigruppo aveva deliberato due settimane prima.
“Non vi è astata alcuna iniziativa autonoma – ha spiegato il presidente Loizzo replicando ad un precedente intervento del consigliere Nino Marmo che aveva contestato le modalità di scioglimento della seduta – ho semplicemente eseguito quanto la Conferenza aveva convenuto per sollecitare i consiglieri regionali al rispetto degli orari di convocazione, tanto della Conferenza dei Capigruppo, quanto della successiva seduta del Consiglio regionale. Erano mesi che provavo a dare consigli, raccomandazioni, richiami ai singoli consiglieri ed assessori, per spingerli a cominciare il Consiglio in un’ora più decente. Ed in assenza di risposte ero sistematicamente sollecitato a prendere una decisione drastica. Questa sollecitazione a interrompere un andamento non corretto ha trovato un’eco nella Conferenza dei Capigruppo che ha suggerito due rimedi: accordare una tolleranza non superiore ai quindici minuti oltre il termine stabilito delle 10 per lo svolgimento della Conferenza dei Capigruppo per poi arrivare a rispettare l’orario di inizio della seduta consiliare”.
“Era questo mandato di buon senso organizzativo rassegnatomi dai capigruppo per mettere fine ad un andazzo non più tollerabile. Ed è quanto ho fatto nella seduta del 6 giugno – ha spiegato Loizzo – verificando prima del rinvio, l’assenza dei requisiti necessari a considerare valida la seduta, ovvero la presenza in aula di almeno 26 colleghi”.
“Come conseguenza di quella decisione – conclude Loizzo – oggi, per la prima volta da due anni, il Consiglio regionale è iniziato secondo i tempi stabiliti dalla Conferenza dei Presidenti”.
Top