Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Dirigenza infermieristica, Borraccino (SI): “Una soap opera in salsa sanitaria”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 2028 del
Sanità

Dirigenza infermieristica, Borraccino (SI): “Una soap opera in salsa sanitaria”

Una nota del consigliere Cosino Borraccino, presidente della II Commissione

Quella delle assunzioni del personale sanitario in Puglia sta assumendo i contorni di una telenovela senza fine, con differenti posizioni assunte dalle diverse ASL e con possibili profili di illegittimità delle procedure adottate.

Ultima puntata di questa sorta di soap opera è quella relativa all’assunzione di un dirigente infermieristico da parte della ASL barese.

Come noto, la Regione Puglia, a seguito di due mie specifiche interrogazione, cofirmate col collega Perrini,  nella scorsa estate, ha fornito indicazioni operative alle Amministrazioni sanitarie, affinchè, per le nuove assunzioni, vengano utilizzate le graduatorie esistenti di altre ASL, in ragione del fatto che lo scorrimento di una graduatoria ancora valida ed efficace consente di reclutare personale in tempi brevi e con evidente economicità.

Quel che desta perplessità nel caso di specie è che la ASL di Bari ha “scelto” arbitrariamente da quale graduatoria attingere il soggetto da assumere, in violazione del principio in base al quale le Amministrazioni, in presenza di più graduatorie disponibili, devono utilizzare quella approvata prima in ordine di tempo, in ossequio ad un criterio cronologico che è stato imposto dall’ordinamento come corollario al principio generale di imparzialità nell’agire della Pubblica Amministrazione.

Inspiegabilmente, purtroppo, la ASL di Bari ha deciso di assumere attingendo dalla graduatoria della ASL Bat (approvata il 21 dicembre 2010), pur essendoci la graduatoria della ASL di Taranto approvata il 27 maggio 2010. 

Questa procedura appare pertanto illegittima, perché vìola un principio sancito anche in numerose pronunce giurisprudenziali. 

Spero che l'assessore alla Sanità o il Capo dipartimento,  a cui invierò PEC, voglia ristabilire il pieno rispetto della norma. /com

 

 

Top