Home / Comunicazione / Agenzia di notizie / 
Caso Nola, CoR: “Solidarietà ai medici. De Luca come Emiliano emblemi dell’incapacità di governare della Sinistra”
stemma crp puglia notizie

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 - 70124 Bari - Tel 080.540.23.66 - Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it - Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it
Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003


Nr.: 81 del
Politica

Caso Nola, CoR: “Solidarietà ai medici. De Luca come Emiliano emblemi dell’incapacità di governare della Sinistra”

Dichiarazione dei consiglieri regionali del Gruppo Conservatori e Riformisti, Ignazio Zullo, Erio Congedo, Luigi Manca, Renato Perrini e Francesco Ventola.
“Qualcuno, forse anche il nostro presidente Emiliano o il presidente della Regione Campania, potrebbe dire: cosa c’entriamo noi consiglieri regionali pugliesi con le vicende di Nola? Invece, c’entriamo eccome!
Quello che è accaduto a Nola potrebbe accadere in forme analoghe o diverse in qualsiasi ospedale della Puglia perché c’è un’incapacità palpabile ed innegabile del centrosinistra al governo delle Regioni nella programmazione, organizzazione e direzione dei servizi sanitari che espone i medici e gli operatori sanitari ad operare in precarie condizioni di sicurezza, per se stessi e per i pazienti, assoggettati anche a turni massacranti pur di soccorrere, ripristinare e mantenere le funzioni vitali dei pazienti che giungono alla loro osservazione o che comunque richiedono cure urgenti. E, quando succede l’irreparabile, come da noi in Puglia accadde con le otto morti nell’ospedale di Castellaneta, ad essere chiamati a rispondere sono gli anelli deboli della catena ovvero i medici e gli operatori sanitari. Operatori sanitari che sono stati assolti per i fatti di Castellaneta mentre, chi doveva rispondere delle sue azioni troneggiava sui media con il suo indice accusatorio pronto a trovare il capro espiatorio.
Proprio come in Campania e come spesso, anche se non sempre, succede da noi. Le colpe non sono mai state di Vendola ieri così come non lo sono mai oggi di Emiliano che è anche assessore alla Sanità. Le colpe sono sempre di altri, o degli anelli più deboli come i medici e gli operatori sanitari o di categorie impersonali di soggetti giuridici come lo Stato, l’Europa, i Comuni, le lobbie ecc.. Per questo ai medici e agli operatori di Nola esprimiamo solidarietà e vicinanza dicendo loro di lottare e di gridare contro i potenti perché alla fine c’è sempre un giudice, foss’anche a Berlino, che renderà giustizia. Infine, confidiamo sempre nel giudizio popolare che una buona volta ci libererà di una sinistra inetta, incapace e giocherellona sui social e sui media, ambiziosa di carrierismo politico e avida di potere”./comunicato
Top